Leslie Howard: That Old Feeling

Uno dei miei film preferiti è Stand-In. E’ un film delizioso, divertente e ironico, che scherza proprio sul cinema e su certi suoi “vizietti”. E’ un film del 1937, ma in fondo il mondo del cinema non è cambiato poi tanto, e certi personaggi potrebbero essere ancora in giro per i set.

Il personaggio interpretato da Leslie Howard è secondo me uno dei più azzeccati della sua carriera di attore “leggero”. Il povero sprovveduto “nerd”, con tanto di occhiali, miope come una talpa, convinto che la matematica risolva ogni problema, alle prese con le follie del cinema e di tutto un sottobosco che sopravvive ai suoi margini: così stralunato da fare tenerezza, ma in fondo non così sprovveduto come sembra. Anzi. E viene inevitabilmente da pensare allo stesso Leslie Howard, che deve essersi divertito a prendere in giro se stesso. Sarà per questo che sembra così naturale e convincente?

La scena che preferisco è quella in cui canticchia That Old Feeling, proprio quando sta per essere licenziato. E la fine diventa l’inizio della riscossa. C’è tutto Leslie, in quel sorriso disarmante.

One of my favorite films is Stand-In. It is a delightful, amusing, ironical film, a light-hearted mockery of film-making and of its odd fauna of actors, directors and producers.  The film was made in 1937, but the world of cinema has not changed so much; some characters of the film are still around. 

Leslie Howard role is one of the best in his career as “light” actor. Atterbury Dodd is a short-sighted nerd who believes that mathematics can solve any problem and has to deal with the craziness of film-making and of its world of humbugs. He is so distraught and bewildered to win our sympathy, but in the end he proves not so helpless, after all. Quite the contrary. Inevitably, this character makes me think of Leslie himself. He must have been very amused while making fun of himself. Maybe this is why he looks so natural and convincing…

My favorite scene is when he hums That Old Feeling, just before being fired. And the end becomes the beginning of his counter-attack. There is much about Leslie in that disarming smile.

Advertisements